Mondi Possibili

Vai ai contenuti

Menu principale:

SPETTACOLI > 2015-2016
ORESTE - da Euripide
ADATTAMENTO E REGIA
Gennaro Di Leo

GRUPPO TEATRALE
Pathei Mathos

INTERPRETI
Oreste, Emanuele Interlici
Menelao, Gerlando Messina
Tindaro, Damiano Tassone e Mario Salvati
Pilade, Francesco Pullace
Messaggero, Antonio Pipolo
Servo troiano, Pietro Maiolini
Apollo, Anthony Akhadelor
Corifeo, Giuseppe Costagliola
Coro: Giuseppe Arena, Claudio Ballacchino,
Giuseppe Incandela, Mal Matar, Cataldo Mazzone,
Massimiliano Ottonello, Francesco Passalacqua,
Domenico Tarantino

e con Lucrezia Lucchesini nel ruolo di Elettra

SCENOGRAFIA
Elisabetta Scolari
con Sandro Franciosi, Antonio Silvestri, Ciro Vigoriti

FOTOGRAFIE
Giovanni Giannarelli
con i ragazzi del Laboratorio Fotografico

GRAFICA
Corrado Nocchi
Chiusa nel dolore, Elettra si consuma senza nozze e senza figli, serva nella casa che fu di suo padre, dove come un'estranea vive sola nel ricordo di Agamennone e solo nel proposito di vendicarne la morte, punendo gli usurpatori: un baratro di incomunicabilità la separa dalla madre Clitennestra, colpevole dell’omicidio assieme all’amante Egisto; non comprende, incompresa, le ragioni della sorella Crisotemi; lamenta l’assenza del fratello Oreste e, mentre c’è chi se ne allieta, ne piange in un gelido lutto la presunta morte. È dopo il ritorno di lui sotto mentite spoglie e il riconoscimento tra fratelli di sangue, che prende corpo nel matricidio l’odio da lei lucidamente covato, quel sentimento atavico che, dal mito di un dramma di Sofocle ai drammi della realtà odierna, incarna l’eterna incapacità dell’uomo di percorrere altre strade per porre fine ai conflitti.
Torna ai contenuti | Torna al menu