Mondi Possibili

Vai ai contenuti

Menu principale:

SPETTACOLI > 2015-2016
ELETTRA - DA SOFOCLE (CON ESCHILO ED EURIPIDE)
ADATTAMENTO E REGIA
Gennaro Di Leo

GRUPPO TEATRALE
Class&Co.

INTERPRETI
Irene Bondielli, Natalia Menconi, Chiara Santini, Gabriele Bandini, Luigi Valletta, Lorenzo Michelucci, Francesco Caruso, Giorgio Tongiani, Violetta Lazzarotti, Emanuele Bianchi, Sara Bigi, Ernesto Bonsignori, Camilla Caldi, Lucrezia Capponi, Sofia Dolfi, Carolina Farneti, Alice Fazzi, Federico Festa, Gioia Giusti, Nicola Guidi, Cosimo Iardella, Giulia Manfredi, Lara Manfredi, Ilenia Mannini, Lorenzo Mariotti, Francesca Martone, Virginia Menozzi, Sara Mignani, Sara Mundo, Giulia Mutti, Sofia Piacentini, Federica Pinarelli, Agnese Ramagini, Francesca Ricci, Gabriele Ruffini, Camilla Sarti, Alice Spadoni, Lorenzo Zana, Annalisa Zoppi

VOCE SOPRANO
Elena Bologna

MUSICHE E SOUND DESIGN
Giuseppe Joh Capozzolo

COSTUMI
Claudia Paula Luccini, Micol Baldin,
Caterina Bertilorenzi, Emma Bigarani, Sonia Soffredini

TRUCCO & PARRUCCO
Ewelina Roclawska, Sonia Soffredini

ASSISTENTI DI SCENA
Alessia Andreazzoli, Sara Panesi. Emanuela Zavattaro

LUCI
Stefano Giannotti

FOTOGRAFIE
Leonardo Sasso

GRAFICA
Corrado Nocchi
Chiusa nel dolore, Elettra si consuma senza nozze e senza figli, serva nella casa che fu di suo padre, dove come un'estranea vive sola nel ricordo di Agamennone e solo nel proposito di vendicarne la morte, punendo gli usurpatori: un baratro di incomunicabilità la separa dalla madre Clitennestra, colpevole dell’omicidio assieme all’amante Egisto; non comprende, incompresa, le ragioni della sorella Crisotemi; lamenta l’assenza del fratello Oreste e, mentre c’è chi se ne allieta, ne piange in un gelido lutto la presunta morte. È dopo il ritorno di lui sotto mentite spoglie e il riconoscimento tra fratelli di sangue, che prende corpo nel matricidio l’odio da lei lucidamente covato, quel sentimento atavico che, dal mito di un dramma di Sofocle ai drammi della realtà odierna, incarna l’eterna incapacità dell’uomo di percorrere altre strade per porre fine ai conflitti.
Torna ai contenuti | Torna al menu